dispositivi di protezione individuale o DPI hanno il compito di tutelare l’utilizzatore dai rischi per la sua salute e sicurezza. Anche se si tratta di un’espressione sdoganata dall’emergenza sanitaria l’accezione più corretta e specifica per i dispositivi di protezione individuale è relativa all’ambito lavorativo. 

Il tema della sicurezza sui luoghi di lavoro negli ultimi decenni ha assunto un peso notevole sia dal punto di vista legislativo che di operatività delle aziende. Vige in Italia un Testo unico sulla sicurezza sul lavoro che ha raccolto, organizzato e armonizzato la disciplina in materia andando a regolamentare fra le altre cose anche i DPI o dispositivi di protezione individuale, ossia “qualsiasi attrezzatura destinata ad essere indossata e tenuta dal lavoratore allo scopo di proteggerlo contro uno o più rischi suscettibili di minacciarne la sicurezza o la salute durante il lavoro, nonché ogni complemento o accessorio destinato a tale scopo.” secondo la definizione che ne da l’art. 74 del decreto legislativo n. 81 del 2008.

Ovviamente la legge prevede che si debba ricorrere all’utilizzo di questi dispositivi di protezione individuale solo quando non è possibile evitare in altro modo il rischio, quindi solo quando sia inevitabile affrontare un certo rischio i DPI possono trovare spazio rispettando determinati parametri. 

Innanzitutto è indispensabile che quando si adoperano guanti, visiere, caschi e qualsiasi altro dispositivi di protezione individuale il tutto deve essere adeguato al rischio da prevenire. Il lavoratore deve comunque essere in grado di potersi muovere senza eccessivi ostacoli rispettandone le esigenze ergonomiche e soprattutto evitando che l’adozione di queste misure possa costituire un rischio maggiore. 

Inoltre i dispositivi di protezione individuale devono essere adeguati alle condizioni esistenti sul luogo di lavoro ed eventualmente essere adattabili a condizioni mutevoli quando se ne presenta la necessità. Si tratta di misure di sicurezza molto importanti che costituiscono un impegno serio per il datore di lavoro ma al tempo stesso un obbligo per il lavoratore di utilizzare correttamente i dispositivi di protezione individuale loro forniti.