Zenzero in gravidanza

Lo zenzero è buono, fa molto bene alla salute e piace sempre di più ai palati occidentali. Anche alle mamme in dolce attesa. Lo zenzero in gravidanza è di fatto altamente consigliato come valido alleato del tutto naturale contro la nausea e l’iperemesi gravidica. Rappresenta un prezioso alleato dal momento che contrasta quella sensazione di malessere e bocca amara. Lo zenzero, si sa, è da secoli ormai utilizzato come rimedio principe contro la nausea; le future mamme avranno quindi a disposizione la soluzione perfetta: non è un farmaco, ha un buon sapore e funziona proprio contro la nausea. Riesce ad intervenire con una azione benefica su questi disturbi perché al suo interno sono presenti principi ad alte concentrazioni come lo stomachico che aiuta a stimolare la digestione nel modo corretto e favorisce anche l’appetito. Ricco di gingerolo e vitamine, è famoso anche per le sue proprietà gastroprotettive: in questo caso, può essere utilizzato per stimolare la digestione, alleviare il bruciore e l’acidità di stomaco, combattere la diarrea e come rimedio contro il meteorismo.

Pareri discordanti in merito alla sua assunzione

Il Royal College of Obstetricians and Gynaecologists inglese ha pubblicato nuove linee guida nelle quali viene riconosciuta l’efficacia dello zenzero in situazioni delicate come la gravidanza e può essere utilizzato senza pericoli per la salute del feto. Mentre l’Agenzia Italiana del Farmaco e il Ministero della Salute non è d’accordo e sconsiglia di consumare zenzero durante la dolce attesa. Chi abbia ragione non si sa, ma le raccomandazioni sono quelle di consultare sempre il proprio medico prima di assumerlo; non abusarne, in quanto un abuso può provocare disturbi gastrici ed intestinali e fare attenzione se si utilizzano farmaci anticoagulanti, in quanto lo zenzero ha un effetto fluidificante del sangue. In conclusione, sempre con moderazione e seguendo le indicazioni del ginecologo, lo zenzero si conferma un alleato naturale per prevenire le nausee in gravidanza.