Liquidi vaporart: quali sono le sigarette elettroniche disponibili

Negli ultimi anni il mercato delle sigarette elettroniche è in forte ascesa. Come per le sigarette normali anche le sigarette elettroniche presentano diverse tipologie. Le caratteristiche che compongono le sigarette elettroniche permettono di ottenere prestazioni diverse nella resa aromatica, nella percezione del vapore e nella fumosità. 

Scegliere un modello con determinate caratteristiche piuttosto che un altro influisce anche sulla sigaretta elettronica prezzi. Ci sono alcuni modelli che consentono di svapare premendo un pulsante di erogazione e altri che non sono altrettanto intuitivi. Le sigarette elettroniche particolarmente adatte ai fumatori esperti consentono anche un’esperienza aromatica più intensa. Un dettaglio che senza dubbio ha reso particolarmente appetibili le sigarette elettroniche è il fatto di poter scegliere come personalizzare il design, prestando così attenzione non solo al gusto dei liquidi vaporart ma anche all’estetica. 

Come scegliere i Liquidi vaporart 

I liquidi vaporart sono un’altra componente essenziale per il corretto funzionamento delle sigarette elettroniche. Si tratta di liquidi aromatizzati, disponibili in tantissimi gusti per soddisfare ogni esigenza. I liquidi vaporart sono un insieme di glicerolo vegetale, glicole propilenico e nicotina, che in alcuni casi può anche essere assente.  Alla soluzione basic è possibile anche aggiungere degli aromi alimentari, che si trovano sempre in forma liquida, per creare nuovi gusti.

Una delle grandi differenze tra fumare una sigaretta elettronica e fumare una sigaretta normale riguarda l’inalazione del fumo. Con una sigaretta classica si fanno dei tiri corti e decisi, mentre per quanto riguardano la sigaretta normale elettronica l’inalazione deve avvenire in modo prolungato, per cinque secondi circa, così da assaporare tutto il gusto dei liquidi vaporart. 

Liquidi vaporart: come funzionano le sigarette elettroniche 

Il processo alla base di una qualsiasi sigaretta elettronica è sempre lo stesso. All’interno del dispositivo si sviluppa l’energia necessaria per riscaldare una residenza che consente al liquidi di riscaldarsi. Appena il liquido si è riscaldato la sigaretta elettronica produce vapore, che è ciò che poi si inala. Ogni sigaretta elettronica è composta da più parti, generalmente vendute in un kit da montare e personalizzare, completo di ricambi e caricabatterie. Le componenti principali che compongono la sigaretta elettronica sono:

  • drip tip, un accessorio che consente di eliminare il filtro dalla sigaretta elettronica. Può essere in diverse forme e colori e permette di versare il liquidi direttamente sull’atomizzatore.
  • tank, conosciuto anche come atomizzatore. Si tratta del nucleo della sigaretta elettronica ed è ciò che trasforma il liquido in vapore. Il tank, inoltre, permette di vaporizzare il liquido direttamente scene, senza l’impiego di una spugnetta, come invece accadeva in precedenza. In questo modo gli utilizzatori della sigaretta elettronica possono sempre tenere sotto controllo il livello dei liquidi vaporart all’interno della loro sigaretta.
  • Batteria ricaricabile al litio, che garantisce il funzionamento del tank. Sebbene possa passare in secondo piano, la batteria è l’elemento che influisce maggiormente sul design della sigaretta elettronica. A seconda della potenza della batteria le sigarette elettroniche si ricaricano in minor tempo e hanno anche un’autonomia più prolungata. In alcuni casi la batteria può essere attivata da un pulsante, o semplicemente iniziando l’inalazione dei liquidi vaporart.